Cioccolato di modica

Sulle note della tradizione scorre il filo conduttore del rinomato e celeberrimo Cioccolato di Modica. Dal raffinato profumo di spezie e dalla tipica consistenza granulosa, viene realizzato con l’impiego di ingredienti genuini, da cui derivano le sue elevate proprietà nutritive ed organolettiche.

Singolare è la sua lavorazione cosiddetta “a freddo”, a noi giunta grazie agli Spagnoli durante la loro dominazione in Sicilia. Infatti, furono loro a conoscere nel Nuovo Mondo lo Xocoati, un prodotto che l’antico popolo azteco estraeva dai semi di cacao, macinandolo su una pietra chiamata metate. Ottenevano così una bevanda speziata e addolcita con zucchero di canna, usata nei riti propiziatori in onore a Huitzilopochtli, dio del Sole.
Questa tecnica, che non contempla la fase cosiddetta di “contagio”, consente solo al burro di cacao di raggiungere il punto di fusione e non anche allo zucchero, i cui cristalli conferiscono al cioccolato la sua tipica granulosità.
Peculiarità di tale lavorazione è l’eventuale formazione di una patina bianca sulla superficie del Cioccolato, in seguito al riaffioramento del burro di cacao. Tuttavia rimangono assolutamente inalterate le sue intrinseche qualità organolettiche. Per di più, si tratta di un cioccolato eccezionalmente ricco di flavonoidi, grazie ai principi attivi naturali in esso contenuti. Ai palati più sofisticati suggeriamo di degustarlo in compagnia di una grappa morbida e raffinata. Ed altrettanto piacevole risulterà l’abbinamento ad un calice profumato di vino liquoroso, come il Passito di Pantelleria ed il Moscato di Noto.

Il pregiatissimo Cioccolato di Modica così preparato arriva sulla tavola di tanti estimatori tramite i marchi presenti all’interno della famiglia Artigiana Biscotti, ovvero Peluso, I Blasonati e La Dolceria del Conte.